Piante in contenitore

Piante in contenitore

Preparazione

Irrigate tutte le piante prima della piantumazione, in modo che la terra nel contenitore si impregni molto bene. Questo faciliterà l’attecchimento dopo la piantumazione.

Eliminate tutte le erbe infestanti nei pressi della nuova siepe. La striscia libera da erbacce deve essere circa 1 metro di larghezza ( ad ogni lato della siepe 50cm).

Scavate là dove dovrà crescere la siepe, un solco con profondità di almeno 50cm e 35cm di larghezza. Dovete scavare il solco fino ad una profondità pari ad una volta e mezzo l’altezza del contenitore. È importante che scaviate abbastanza sufficientemente in prodondità, poiché la pianta attecchisce più facilmente in un terreno allentato.

Provvedere a creare un buon drenaggio, praticando dei fori nel fondo e ai lati del solco.

La piantumazione

Ponete le piante nella loro posizione di destinazione accanto al solco , così facendo sarete sicuri di avere abbastanza piante da coprire tutta la lunghezza della siepe. Si raccomanda di tenere da parte alcune piante , che serviranno nel caso di perdite di piante nella siepe. Le piante che terrete da parte, le potete piantare in un altro angolo del giardino. In questo modo queste ultime cresceranno esattamente come la siepe ed in caso di necessità avrete al momento giusto delle piante della stessa misura e larghezza in sostituzione di quelle perdute.

Riempite il solco con la terra precedentemente asportata fino ad avere una profondità di piantumazione utile equivalente all’altezza del contenitore più 5cm (ad esempio se il contenitore è alto 30cm, riempiendo il solco di terra lasciate una profondità utile per mettere a dimora la pianta di 35cm).

Togliete il contenitore nel quale si trova la pianta, staccandolo con attenzione e delicatezza dalla zolla (non utilizzate troppa forza! Così facendo rischiate di danneggiare la pianta).

Posizionate la pianta nel mezzo al solco e riempite con la terra rimanente che avete asportato in precedenza (in due questa operazione è più facile). Assicuratevi che la pianta sia alla profondità giusta, dopodiché coprite la terra fino a 5cm sopra il livello della terra della sua zolla.

Aggiungete eventualmente un prodotto stimolatore della crescita radicale: mescolatelo alla terra che avete asportato dal solco. Questo avrà come effetto la riduzione delle perdite.

Quando il terreno è molto pesante (ad esempio terreno argilloso o paludoso) si raccomanda di mescolare con sabbia la terra da riportare nel solco, cosicché le radici della pianta possano attecchire meglio.

Pressate la terra riportata nel solco camminandoci sopra (non compattate eccessivamente!)

Se abitate in una zona molto ventosa, si consiglia di piantare una canna di bambù (per piante fino ad una altezza di 1,25 mt) o un palo (per piante di altezza oltre il 1,25 mt) accanto ad ogni pianta, in modo che la siepe cresca dritta. Fissate le piante al bambù o al palo in 3 o 4 punti. Fate in modo di utilizzare materiali flessibili, così da non danneggiare il tronco quando nella crescita ingrosserà.

Create un arginello (15-20 cm di altezza) tutto intorno alle piante, riempite con acqua (circa 5 litri per piante piccole e 10 litri per piante grandi).

Quando è opportuno evitare di piantare?

  • Con condizioni di tempo molto secco (peridolo di disseccamento)
  • Dopo piogge pesanti (che creano un compattamento del terreno e questo rende difficile per le piante sviluppare nuove radici)
  • Con vento forte (peridolo di disseccamento delle piante)
  • Con gelo (pericolo di danni da gelo, che causerebbero perdite totali)

Cura

Nei successivi 2 o 3 anni provvedete a mantenere libero da erbe infestanti il terreno della siepe e quello circostante (50cm ad ogni lato della siepe), in modo che la vostra siepe abbia abbastanza spazio per assorbire luce, acqua ed elementi nutritivi per crescere bene.

Irrigate le piante sufficientemente: due volte a settimana fino a 15 litri per metro lineare di siepe quando il tempo è secco, mentre quando piove bagnate meno. Questo è estremamente importante: senza acqua non sopravvivrà alcuna pianta!

Irrigate le piante sempre la sera (se periodo primaverile-estivo): così facendo eviterete che molta acqua evapori prima che venga assorbita dalle radici. Nel periodo autunno-invernale sono necessarie minori irrigazioni, in base alle condizioni atmosferiche e, soprattutto non irrigare di sera quando c’è il rischio di gelate notturne.